Colonia 2017-06-01T21:30:38+00:00

COLONIA “CODE VELOCI”

“Crunck crunck” a tutti voi!!
Siamo i Vecchi Castori della Colonia “Code Veloci”: Livio e Bea.

La storia della Colonia del Grande Castoro Bruno inizia così:

“Il Grande Castoro Bruno alzò il capo. Rimirò con gioia, dall’alto del cucuzzolo dove si trovata, la valle profumata. Si udiva il lieve fruscio delle foglie, i sussurri del popolo dell’aria, mentre in basso laggiù appariva a tratti, tra il verde degli alberi, un sottile nastro d’argento: il fiume. Guardò qua e là, scrutando con attenzione le vicinanze, poi riprese a scendere la montagna. Dietro di lui veniva tutto il gruppo dei castori…”.

Sei curioso di sapere come continua il racconto della Colonia del Grande Castoro Bruno, delle mitiche avventure e stupende scoperte che fanno tutti insieme i Castorini?

Allora… non ti resta che venirci a trovare! Noi Vecchi Castori, insieme agli altri Castorini, ci incontriamo nella nostra sede, l’Onarmo, di domenica pomeriggio dalle 14.00 alle 17.45, per giocare e divertirci!

Chi sono i Castorini? Questa proposta educativa è rivolta a bambini e bambine dai 5 agli 8 anni, chiamati “Castorini” dall’ambiente fantastico presente nelle attività, che vivono in un clima di gioia, affetto e tranquillità i giochi e le esperienze che i Vecchi Castori (i Capi) propongono loro.

Le attività, la struttura interna alla Colonia (così si chiamano le unità dell’Associazione Italiana Castorini) e la progressione personale sono portate avanti seguendo i principi e il metodo dello scoutismo di Baden-Powell, adattato per l’età dei bambini: ogni Colonia ha un proprio Branco/Cerchio di riferimento, in cui i Castorini entreranno dopo la “grande nuotata” (passaggio), e di fatto ogni Colonia associata ad un Gruppo AGESCI (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani) viene vista come una quarta branca in tutto e per tutto rientrante nel Progetto Educativo di Gruppo.

Che cosa facciamo? L’ambiente fantastico, in cui sono inserite tutte le attività, racconta di una Colonia di Castorini che vive insieme intorno alla diga.

Il racconto è molto semplice e privo di specifici contenuti morali, e permette l’utilizzo di qualsiasi altra ambientazione. A questa età, infatti, il bambino ama spaziare da un mondo all’altro senza limiti. In ogni caso è sempre e comunque il racconto che si adatta all’attività e non viceversa. I Castorini, come qualsiasi scout, si impegnano a rispettare un Patto, una Legge e un Motto. Nel percorso di crescita, ha un peso molto grande la stimolazione da parte del capo più che l’autoeducazione. I passaggi della Progressione Personale sono 5 e sono identificati con le code di castoro di colori diversi; questi non hanno l’aspetto di “passaggi al merito” ma avvengono in modo naturale per età e tutti insieme. Il cammino del Castorino termina con la “grande nuotata”, una cerimonia che simboleggia il passaggio alla Branca L/C.

ENTRA NEL GIOCO, GIOCA LA TUA PARTE!

Il segreto della vera felicità sta nel far felici gli altri! Procurate di lasciare questo mondo migliore di come lo avete trovato e, quando suonerà la vostra ora di morire, potrete morire felici nella coscienza di non aver sprecato il vostro tempo, ma di avere fatto del vostro meglio”

Dall’ultimo messaggio di B-P agli scout

ISCRIVITI
DONA ORA